L’ODISSEA DEI RILEVATORI ISTAT DI VILLA LITERNO

Villa Literno – All’epoca della depressione economica, e contestualmente esistenziale, sono le piccole storie quotidiane che dovrebbero meritare spazio e ascolto. Oggi a chiedere la parola sono 14 rilevatori esterni assunti dal Comune di Villa Literno per conto dell’Istat, tramite regolare bando e assunti lo scorso novembre con contratto autonomo, che aspettano da Febbraio (ben tre mesi) di essere pagati per il lavoro svolto. Ma il Comune temporeggia, rimanda, adduce scuse e giustificazioni (i soldi sarebbero stati utilizzati per questioni più urgenti) e malgrado le sollecitazioni (anche scritte) manda tutti a casa a mani vuote. Eppure questi giovani precari (spesso laureati) , sempre animati da buona volontà e senso del dovere, hanno superato le incompetenze di chi avrebbe dovuto “formarli” e  orientarli e da soli hanno allestito un centro di raccolta comunale, dotandolo con propri mezzi (dalla cancelleria ai pc) e riuscendo a rispettare i termini di raccolta previsti dall’Istat (lavorando anche nei festivi) che per negligenza altrui non sarebbero stati osservati.

A conti fatti su un totale di circa 3.000 euro cadauno ne sono stai percepiti solo 224, mentre i censimenti e i questionari sono stati tutti regolarmente effettuati e consegnati; come se non bastasse la richiesta del saldo da parte dei precari è stata bollata come insistente e inopportuna, quasi a lasciare intendere che fosse bene per loro evitare di entrare in collisione con l’ente locale. Per questo motivo una delle giovani rilevatrici si chiede: “È possibile avere paura semplicemente perché stiamo rivendicando qualcosa che è nel nostro diritto avere?”.
A Milano nel mese di Gennaio i rilevatori Istat sono già scesi in piazza contro le condizioni illegittime e non dignitose nelle quali stavano lavorando e non è improbabile che una protesta possa estendersi anche al Sud.

Annunci

No comments yet»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: