CENTRO DI ASCOLTO PER SMETTERE DI GIOCARE PRESENTATO A CAIAZZO

Presentazione Centro ascolto

Sarà ospitato a Palazzo Mazziotti e sarà aperto tutti i lunedì dalle 15.30 alle 17.30 . Un’iniziativa voluta dall’amministrazione Giaquinto e sostenuta dall’Ambito C6

CAIAZZO – A Palazzo Mazziotti di Caiazzo un Centro di ascolto per offrire aiuto legale e psicologico a coloro che subiscono gli effetti indesiderati e le conseguenze del gioco: l’iniziativa è stata presentata nella sala consiliare del comune guidato dal sindaco Stefano Giaquinto alla presenza del vescovo della Diocesi Valentino Di Cerbo, degli alunni delle scuole, delle dirigenti Cecilia Cusano e Rita De Matteo, operatori del settore e amministratori dei comuni limitrofi. “Il gioco d’azzardo patologico sta crescendo sui nostri territori in modo esponenziale fino a diventare un allarme economico e soprattutto sociale – ha detto il padrone di casa, il sindaco Stefano Giaquinto – Il Centro è un servizio per tutto l’Alto Casertano per offrire ascolto e consulenza a chi è consapevole e motivato a chiedere aiuto”. Uno sportello per debellare un problema che è devastante – ha sostenuto l’avvocato Francesca Palma, coordinatrice dell’Ambito – Un affare di stato, se pensiamo che soltanto a Caiazzo il giro è pari a 2 milioni di euro, un circuito che va combattuto anche e soprattutto con la prevenzione”. Per Sua Eccellenza Di Cerbo “Cristo è la vera alternativa, la cristianità è la scelta da fare”, il sindaco di Castel Campagnano Giuseppe Di Sorbo crede invece che “l’impegno sia fare squadra e un’iniziativa che vede uniti Ambito, Comuni, Scuola e Chiesa è sicuramente un punto di partenza”. “Ci auguriamo di creare una rete di assistenza multidisciplinare – ha spiegato Leopoldo Spinosa, responsabile del Centro per la Famiglia dell’Ambito C6 con sede ad Alife, che ha anche tracciato il profilo e le fasi della carriera di un giocatore d’azzardo – contiamo di creare progetti sociali individualizzati, di approfondire il fenomeno sul territorio attraverso il mondo scolastico, di fornire una consulenza psicologica e sociale non soltanto all’individuo ma anche alla famiglia e, perché no, di diffondere semplicemente informazioni a chi le richiede, anche se non è interessato in prima persona al problema”. “Una valida iniziativa – ha rincarato l’assessore alle Attività Produttive Antonio Di Sorbo – che potrebbe portare alla creazione di un Osservatorio da parte degli operatori commerciali. Il ‘gioco facile’ è la spia sociale della crisi dei valori”. “La presentazione del progetto è soltanto l’inizio – ha concluso l’assessore alle Politiche Sociali Tommaso Sgueglia che per primo ha creduto nel progetto traendo spunto da un articolo apparso online sul portale Caiazzorinasce – prevediamo di mettere a punto incontri nelle scuole, nelle parrocchie e con i medici di base. E’ una tassa sui poveri che provoca impoverimento culturale e che nasconde altre piaghe come la prostituzione e l’usura”. Lo sportello sarà attivo tutti i lunedì dalle ore 15.30 alle 17.30.

No comments yet»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: