AUMENTANO I PREZZI DEGLI ALBERELLI E ADDOBBI NATALIZI

ROMA – “Te piace ‘o presepe?”. Lo chiedeva ossessivamente papà Cupiello nella famosa commedia di Eduardo De Filippo. Chissà cosa ne direbbero in casa Cupiello del fatto che ormai, in fatto di rincari, non si salvano nemmeno gli addobbi natalizi, gli ingredienti del cenone o gli oggetti della tradizione. A partire dall’albero di Natale: secondo l’associazione dei consumatori Federconsumatori, infatti, il prezzo dei tradizionali alberelli è aumentato in un solo anno fino al 20%.

Per un albero di media qualità, alto intorno ai 2 metri, ad esempio, si devono sborsare circa 48 euro, il 16% in più rispetto all’anno scorso e il 291% in più rispetto al 2001, quando si pagava ancora in lire. Per uno un po’ più piccolo (un metro e ottanta), ma di alta qualità, il prezzo può arrivare a 59,90 euro: 20% in più in un anno, 228% in più di 8 anni fa. E non si tratta certo di piccoli numeri: l’anno scorso, secondo Confagricoltura, sono stati venduti 6,5 milioni di alberi. Per quest’anno i vivai associati – spiega Confagricoltura – a novembre hanno registrato una forte diminuzione degli ordini: “si teme un forte calo”.

Stessa musica arriva da Confesercenti: secondo le stime dell’associazione di categoria quest’anno nei negozi si venderanno circa 2,1 milioni di alberelli (di cui 1,1 finti). Dei 19 milioni di famiglie che fanno l’albero, infatti, solo il 5-6% lo comprerà nuovo. Più in generale, con l’avvicinarsi delle feste, mostrano forti incrementi tutti i principali articoli natalizi. “Nel corso di 8 anni – spiega Federconsumatori – ci sono stati aumenti incredibili, con variazioni che oscillano tra il 72 e il 554%”. Le sfere decorate, ad esempio, sono aumentate del 14% sul 2008 e del 143% sul 2001.

Non va meglio per il nastro da pacchi (+17% sul 2008 e +226% sul 2001), la candela centrotavola (rispettivamente +5 e +72%), la ghirlanda (+5% e +554%) e la carta regalo (+15% e +130%). La soluzione, allora, è scegliere un Natale ‘minimal’. Secondo un’altra associazione, il Codacons, la tendenza sarà ridurre all’osso l’acquisto di addobbi e lucine: la spesa delle famiglie per questi articoli crollerà del 15%. Con la classica ‘ricetta della nonna’: tirare fuori dalla cantina i vecchi addobbi, recuperare l’albero sintetico, magari spelacchiato, dell’anno scorso. E si risparmia persino sul cenone: una famiglia su tre, secondo l’Adoc, rinuncerà al tipico pasto della tradizione. Anche perché per mettere insieme le portate natalizie si spendera, in media, 158 euro (1,6% in più rispetto all’anno scorso).(ANSA)

 

No comments yet»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: